L’ultimo pasto

Sono una grande amante del cibo: mangiare mi mette allegria, mi fa stare fisicamente e psicologicamente bene.

Probabilmente ho un futuro da quarantenne sovrappeso, intenta a destreggiarsi tra sfiancanti sessioni in palestra e cibo macrobiotico, ma fortuna vuole che attualmente il mio simpatico metabolismo mi permetta di ingurgitare buone quantità di cibo mantenendo una forma fisica mediamente accettabile (dopo questa frase sono prontissima a schivare qualsiasi oggetto contundente vogliate tirarmi addosso).

La dieta non fa per me, mi rende triste, nervosa e insoddisfatta; in compenso il mio trascinarmi a forza in palestra mi procura l’alibi perfetto per spazzolarmi senza remore un bel piatto di pasta. O anche due.

C’è da dire, però, che non mi abbuffo di qualsiasi cosa mi capiti a tiro: ho un’alimentazione varia, mi impegno a mangiare sano pur senza rinunciare a qualche scappatella nel mondo della goduria zuccherina ipercalorica (altrimenti, metabolismo simpatico o meno, sarei comunque una balena).

Ma una cosa che non riesco a sopportare c’è: la pasta al pomodoro. Ebbene sì, si può dire che il classico piatto di penne al dente guarnite di sugo fumante sia la mia kryptonite. Eppure non sono pazza, la colpa è tutta di quella mensa alle scuole elementari che ogni giorno mi proponeva un ammasso colloso di penne gonfie ed anemiche, coperte da un accenno di sugo che aveva la consistenza della malta. Ecco, non è colpa mia.

Ad ogni modo, in questi giorni mi sono soffermata a ponderare su cosa sceglierei se mai dovessi richiedere il mio ultimo pasto. Scelta incredibilmente ardua e sofferta perchè sono davvero troppe le cose che potrei mangiare fino a scoppiare – immaginatemi mentre esplodo dopo la mentina di fine pasto (cit.).

Ho cercato quindi di stilare una lista di piatti che potrebbero essere all’altezza di un menu così carico di responsabilità e aspettative:

 Antipasti:

Sushi

Salmone affumicato

Tramezzini

Primo Piatto:

Riso e latte

Secondo Piatto:

Crocchette di pollo e patatine fritte

Filetto di manzo a cottura media

Dolce:

Crema catalana e Vin santo

Cupcakes

Caffè

Ammazzacaffè

Sigaretta

Aggiornerò il menù se mai dovesse venirmi in mente qualcos’altro.

E voi?

Quale vorreste fosse il vostro ultimo pasto?

[L’immagine a inizio post è opera mia, realizzata con Inkscape seguendo questo tutorial per il cucchiaio e utilizzando poi la stessa tecnica per il coltello e la forchetta.]


Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • Pinterest
  • Tumblr
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

   


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *